Warning: Table './Sql148310_1/watchdog' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '<em>Table &amp;#039;Sql148310_1.comments&amp;#039; doesn&amp;#039;t exist\nquery: SELECT COUNT(*) FROM comments WHERE nid = 309 AND status = 0</em> in <em>/web/htdocs/www.hellenismos.com/home/newsite/includes/database.mysql.inc</em> on line <em>174</em>.', 2, '', 'http://www.hellenismos.com/newsite/?q=node/309', '', '54.224.18.114', 1511218450) in /web/htdocs/www.hellenismos.com/home/newsite/includes/database.mysql.inc on line 174

Warning: Table './Sql148310_1/watchdog' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '<em>Table &amp;#039;Sql148310_1.comments&amp;#039; doesn&amp;#039;t exist\nquery: SELECT c.cid as cid, c.pid, c.nid, c.subject, c.comment, c.format, c.timestamp, c.name, c.mail, c.homepage, u.uid, u.name AS registered_name, u.picture, u.data, c.score, c.users, c.thread, c.status FROM comments c INNER JOIN users u ON c.uid = u.uid WHERE c.nid = 309 AND c.status = 0 ORDER BY c.thread DESC LIMIT 0, 10</em> in <em>/web/htdocs/www.hellenismos.com/home/newsite/includes/database.mysql.inc</em> on line <em>174</em>.', 2, '', 'http://www.hellenismos.com/newsite/?q=node/309', '', '54.224.18.114', 1511218450) in /web/htdocs/www.hellenismos.com/home/newsite/includes/database.mysql.inc on line 174
Kostas Uranis: La Grecia e Chateaubriand | Hellenismos.com
Kostas Uranis: La Grecia e Chateaubriand

Kostas Uranis: La Grecia e Chateaubriand

Posted April 27th, 2012 by webmaster

Da oggi è disponibile in formato elettronico su Amazon Kindle Store.

http://www.amazon.it/dp/B007XSQNW6

Sinossi
Quando Chateaubriand, varcato il passo tra Koridalòs e il colle di Profitis Ilias, si trovò per la prima volta dinanzi alla piana di Atene, si fermò, estatico e commosso, come se avesse raggiunto la meta suprema. Non era il culto per l'antichità ellenica o il pensiero di essere arrivato nella culla di una grande civiltà a provocare in lui quell'estasi e quella emozione. Ciò che vedeva lo abbagliava come una rivelazione. La luminosa pianura ateniese racchiusa da monti scolpiti, il mare di un azzurro dorato e, sopra ogni cosa, il cielo infinito, componevano una immagine assai più straordinaria di quella che egli si aspettava di vedere. Per la prima volta nella sua vita, questo romantico, che nelle varie manifestazioni della natura aveva visto soltanto un riflesso di se stesso, capiva di trovarsi al cospetto di qualcosa che lo superava e lo assorbiva...
A me, personalmente, è stato concesso di avvertire meglio la spiritualità e l'unicità del paesaggio dell'Attica nel corso del mio viaggio in Italia. Avevo visto luoghi belli, tanto belli da farmi morire di piacere. I giardini del lago di Como, la costiera del golfo di Napoli, le colline di Firenze – che paradiso incantato era quello! Ma la mia anima, simile ai colombi delle Isole Borromee visti da Barrès, imbevuta di profumi, di dolcezza e di voluttà, si era fatta troppo greve per poter volare. Il mio spirito si era come illanguidito. Essendo già sazio di tutto, non desideravo vedere altro. Finché, un giorno, la sorte volle che la mia strada mi conducesse a una spiaggia, Terracina: rupi giallo rossastre, il mare di un azzurro cupo, un cielo immenso – nient'altro. Ma era tale l'armonia, quella semplicità era così piena di significato, che sentii la mia anima spiccare il volo. Era un paesaggio dell'Attica in seno all'Italia, e la mia emozione a quella vista era simile, per qualità, a quella che si prova trovandosi davanti a un antico tempio greco su una spiaggia deserta della Sicilia. E come se un venticello avesse attraversato la mia anima rinfrescandola, tutta l'ebbrezza che si era accumulata in me per l'Italia si dissolse.

KOSTAS URANIS (1890-1953) è, insieme a Nikos Kazantzakis, il fondatore della letteratura di viaggio neogreca. La sua vasta opera, in prosa e in poesia, è caratterizzata da accenti malinconici, spesso crepuscolari, che egli ha in comune con altri scrittori della generazione del '20, alla quale appartiene. Tra le sue opere più rappresentative, Sinai (1944), Strade azzurre (1947), Viaggi in Grecia (1949).

Per gustare questo testo non è necessario acquistare una periferica Kindle, ma basta installare sul vostro computer o telefonino o tablet: un programma gratuito di lettura Kindle Reader.